Coronavirus, in Olanda la gara a salvare i fiori che nessuno compra

Il crollo di un mercato che vale il 5% del Pil. Un’azienda che ha cominciato ad acquistare bulbi per dipendenti e iniziative solidali è stata copiata da altre mille imprese.

Mille aziende olandesi hanno comperato fiori olandesi al tempo del coronavirus. Per evitare che finissero «al macero». Un milione di gambi e bulbi salvati e poi donati: ai dipendenti, agli ospedali, alle case di riposo. Una bella iniziativa organizzata, che ha il plauso del governo e l’incoraggiamento della ministra dell’Agricoltura Carola Schouten che manda un invito su Twitter: «Comprate un mazzo di fiori, per voi o per qualcun altro». Anche per gli europei del Sud? 

Solidarietà di petali e umani. I fiori in Olanda sono una bellezza e una ricchezza. Un’industria che copre metà del fabbisogno mondiale e il 77% dei bulbi venduti globalmente. Le destinazioni principali delle rose e dei tulipani coltivati nei Paeisi Bassi includono i vicini europei (più o meno vicini e indebitati): Germania, Francia, Italia, Regno Unito. A causa del grande lockdown, per i vivaisti il commercio si è ridotto del 60-70%. Le perdite si aggirano già sui 2 miliardi di euro, secondo le stime della cooperativa Royal Flora Holland, la più grande casa d’asta floreale del pianeta che ogni anno smercia 12 miliardi di fiori e piante. In un mese i ricavi sono calati dell’85%, per un business che a livello nazionale dà lavoro a 150mila persone e vale 6,7 miliardi di euro all’anno (il 5% del Pil).

Un’emergenza nell’emergenza. Tonnellate di fiori, se non proprio buttati via, comunque trasformati in materiale da compostaggio e biomassa. Un piccolo strazio nello strazio della pandemia, che in Olanda ha superato i mille morti. Racconta alla radio americana Npr il signor Daniel van de Nouweland, titolare della Marjoland, che «è difficile guardare le macchine mentre triturano le nostre rose». Ne marciscono 150mila al giorno, su una superficie pari a 32 campi di calcio. 

Il calcio è fermo e pure le rose si buttano. Un peccato. Perché di questi tempi avremmo bisogno di più ventilatori, certo, ma anche di profumi. Un tocco di colore e di primavera anche negli spazi angusti. E così, tre settimane fa, il manager di un’azienda olandese, la Van der Ende, che produce pompe nel villaggio di Maasdijk a est di Rotterdam, ha avuto l’idea di comprare fiori per regalarli a dipendenti e amici. E di organizzare il passaparola sul Web. Lo schema oggi si è allargato a mille imprese, racconta al Guardian Michiel Brockhus, per un totale di un milione di fiori comprati. «E vogliamo ingrandirci». Le persone sono invitate a mostrare i loro acqusiti sui social. Gli hashtag su Twitter: #BuyFlowersNotToiletPaper. Più crisantemi, meno carta igienica. All’appello hanno risposto, racconta Brockhus, anche alcune ditte in Canada, Germania, Regno Unito. L’Italia? Non risulta.

Sui libri è raccontata «la bolla dei tulipani» del 1637, forse la prima grande crisi finanziaria della storia, quando ad Amsterdam si arrivò considerare i bulbi di quei fiori multicolore alla stregua degli odierni «future». Il gioco dei prezzi al rialzo (la gente vendeva i mobili per assicurarsi il diritto a comprare le varietà più pregiate) portò a un crollo generalizzato dell’economia. Nella crisi che colpisce il mondo oggi, i tulipani sono erba straccia. Bello allora comprarli e regalarli. Ricordando che non ci sono solo i produttori e i fiori olandesi. Dall’Italia al Kenya all’Etiopia, in questi giorni milioni di steli e di petali vengono distrutti o finiscono in mangime per animali (come accade in Africa). Ma ci servono anche loro, per superare la tristezza da coronavirus. Pane, fiori e ventilatori.

Coronavirus, in Olanda restrizioni prolungate fino al 28 aprile.

Con l’aumento del numero dei contagi e dei decessi, che hanno superato i mille, il governo dei Paesi Bassi ha deciso di estendere le chiusure di scuole, ristoranti e bar. Inizialmente il lockdown era previsto fino al 6 aprile.

In Olanda il primo ministro Mark Rutte (a sinistra) e il ministro della Salute Hugo de Jonge hanno annunciato il prolungamento delle restrizioni nel Paese fino al 28 aprile per far fronte all’emergenza coronavirus. Le misure prevedono, oltre l’invito a rimanere in casa, le chiusure di scuole, ristoranti e bar fino al 28 aprile

Per coloro che si recano fuori dalle proprie abitazioni, le autorità locali invitano a mantenere un distanziamento sociale di almeno 1,5 metri.

“Anche dopo il 28 aprile – ha detto Rutte durante una conferenza stampa – non torneremo a una situazione normale”

Il premier ha invitato inoltre i cittadini a non pianificare le vacanze

Ovviamente in questi giorni rimarrà chiuso anche il bloemenmarkt, il tradizionale mercato dei fiori di Amsterdam

Intanto l’Istituto nazionale per la salute pubblica e l’ambiente olandese (Rivm) ha avviato una vasta indagine sull’immunità di gregge

Seimila persone provenienti da tutto il Paese, e di tutte le età, sono state invitate a sottoporsi agli esami

L’obiettivo è scoprire la percentuale di quanti hanno sviluppato anticorpi per il Covid-19 e raccogliere dati sulla diffusione del virus

Le affollate strade di Amsterdam rimarranno quindi deserte quasi fino a fine mese

I Paesi Bassi sono tra gli alfieri del fronte rigorista. Insieme a Germania, Finlandia e Austria, si sono schierati contro l’ipotesi di ‘coronabond’ proposti da diversi Paesi, tra cui l’Italia, per far fronte alla crisi economica scatenata dalla pandemia

Aprile in Olanda: un mese ricco di divertimento, cultura e natura

La primavera è cominciata e c’è la speranza che sia ricca di belle giornate. l’Olanda ha preparato per voi dolcissime sorprese per il mese di Aprile. Perdetevi tra i tulipani, scatenatevi in uno dei tanti concerti e festival musicali, ammirate una delle mostre nei musei proposti e finalmente preparatevi alla grandiosa Festa del Re, che tutti attendono con ansia!

Keukenhof

  • quando: dal 23 marzo al 21 maggio
  • dove: Lisse
  • cosa: Fiori, bulbi, giardini, mosaici di fiori… i percorsi fatati del Keukenhof vi aspettano per tutto il mese di aprile e non solo. Andate alla scoperta di coloratissime varietà floreali autoctone e provenienti da diverse parti del mondo. Se volete saperne di più cliccate qui.
  • come: ulteriori informazionibiglietti

Pillow fight in piazza Dam

  • quando: 1 aprile
  • dove: Amsterdam
  • cosa: armatevi di cuscino e accorrete nella centralissima piazza Dam per una gigantesca battaglia in pigiama. No, non è un pesce d’aprile! Dal 2009, ogni anno, viene organizzata una divertente e pacifica “guerra coi cuscini” a cui partecipano centinaia di persone. Divertimento e libertà sono le parole chiave di questo evento. Invitate molti amici, scegliete abiti comodi e ma soprattutto lasciate gli occhiali a casa. Portate un cuscino, ma durante la lotta non dimenticate fair play e lealtà. Inoltre potrete portare lenzuola e federe da donare ai rifugiati di Calais, il punto di raccolta è ai piedi della statua raffigurante il leone. Che la battaglia abbia inizio, buon divertimento!
  • come: ulteriori informazioni

Lôtèl” a teatro

  • quando: 1 e 2 aprile
  • dove: Den Haag
  • cosa: si tratta di uno spettacolo teatrale organizzato da Sipario. Spettacolo aperto ad un pubblico internazionale perché teatro fisico, senza linguaggio, gli attori indosseranno delle maschere e non parleranno. Adulti e bambini di ogni nazionalità potranno apprezzare gli artisti in azione al teatro Laaktheater (Ferrandweg 4 t, 2523 XT L’Aia) 1 aprile alle 20.15 e 2 aprile alle 16.00.
  • come: ulteriori informazioni

Settimana nazionale dei Musei

  • quando: dal 3 al 9 aprile
  • dove: in tutta Olanda
  • cosa: Da Groningen a Limburg, più di 300 musei olandesi vi presenteranno le loro collezioni. Tra questi vi sono il Groninger Museum, il Museum aan het Vrijhof a Maastricht e il Kröller-Müller Museum a Otterlo. La settimana dedicata ai musei è un’ottima occasione per scoprire i tesori artistici d’Olanda. Alcuni musei organizzeranno divertenti esperienze per bambini, noi vi consigliamo il Nature Museum e il Railway Museum di Utrecht. Inoltre durante questa settimana verranno organizzate moltissime attività all’aperto, divertitevi!
  • come: ulteriori informazioni

Salmo in concerto

  • quando: 7 aprile
  • dove: Amsterdam – Sugar Factory
  • cosa: nella serata del 7 aprile, lo sugar Factory di Amstedam vi presenta Salmo. L’artista sardo sta promuovendo il suo nuovo disco Hellvisback passando per diversi paesi europei. Se siete fan dell’artista o se state cercando un bel concerto nel mese di aprile, questa è la scelta giusta! Potete ascoltare qui l’intervista che Lorenzo ha realizzato per Italian Radio.
  • come: ulteriori informazionibiglietti

Motel Mozaique

  • quando: 7 e 8 aprile
  • dove: Rotterdam
  • cosa: Motel Mozaique è un festival di arte e musica che si diffonde in tutta la città,semplicemente unico. Ci saranno concerti, spettacoli e attività. Durante il festival, Rotterdam si trasforma in un grande motel che ospita un gigantesco pigiama party, è il festival musicale più eccentrico della città.il festival presenta gli artisti indie e pop migliori del momento, che vi faranno ballare durante i loro concerti in vari teatri e bar della città.la cosa divertente è che potrete dormire in una delle sistemazioni pensate appositamente per il festival. -Campeggio Mozaique- si tratta di location particolari ed uniche tra cui chiese, vetrine e addirittura tetti di monumenti nazionali. Potrete poi gustare una colazione a buffet ed esplorare la città, accompagnati da guide speciali dello staff di Motel Mozaique.
  • come: ulteriori informazionibiglietti

“La Rosa Tatuata” a teatro

  • quando: 8 e 9 aprile
  • dove: Amsterdam
  • cosa: va in scena per opera di Carmelinda Gentile, con il Korego Theater Groupl’opera “La Rosa Tatuata”. si tratta della storia di Serafina e della sua condizione di vedova chiusa da anni agli stimoli del mondo esterno e combattuta tra la verità del suo passato e le incognite del futuro per sua figlia. Potrete ammirare lo spettacolo presso Amsterdams Theater Huis (Marius Van Bouwdijk Bastiaanstraat 54, Amsterdam). Qui trovate l’articolo che Paola Ragnoli ha scritto per Italian Radio.
  • come: ulteriori informazioni

Mega Record & CD fair

  • quando: 8 e 9 aprile
  • dove: Utrecht
  • cosa: si tratta della 47esima edizione della fiera del vinile più grande d’Europa. Si svolgerà nel centro congressi Jaarbeurs di Utrecht. Questa è la fiera che da anni attira tutti gli appassionati del vinile, i Dj, e perché no, anche qualche famoso artista, in cerca delle sue produzioni. Ci saranno spettacoli dal vivo e un’infinita selezione di CD e vinili per tutti i gusti, presentati da commercianti da tutto il mondo.
  • come: ulteriori informazioni

Maratona di Rotterdam

  • quando: 8 e 9 aprile
  • dove: Rotterdam
  • cosa: Potrete godervi la meravigliosa atmosfera della maratona di Rotterdam sia come spettatori che come partecipanti. Si tratta del più grande evento di corsa in tutta Olanda, tutti gli anni partecipano 200.000 persone, tra cui grandi atleti provenienti da tutto il mondo. Ma se non avete tutta questa voglia di correre, potrete assistere come uno dei 900.000 probabili spettatori.
  • come: ulteriori informazioni

Bloemencorso

  • quando: 22 e 23 aprile
  • dove: da Noordwijk ad Harlem
  • cosa: la parata dei fiori annuale (Bloemencorso in Olandese) è una festa coloratissima e profumatissima. Decine e decine di carri, barche e automobili, ricoperte di composizioni floreali sfileranno lungo la strada da Noordwijk ad Haarlem per 42 km. La parata comincerà sabato 22 aprile alle 9.30, e terminerà ad Haarlem alle 21.00. Attorno alle 15.30 passerà dal Keukenhof.Domenica 23, potrete ammirare le opere d’arte floreali della parata, in giro Haarlem fino alle 17.00.Assicuratevi di scegliere un buon posto lungo la strada con una buona visuale, perchè centinaia di migliaia di spettatori non vorranno perdersi nemmeno un momento della spettacolare sfilata.
  • come: ulteriori informazioni

Afterhours – Tour Europeo

  • quando: 24 aprile
  • dove: Amsterdam – Q Factory
  • cosa: Gli Afterhours sono partiti a Marzo con un tour di 12 date, alla conquista di altrettanti club Europei. Porteranno la loro musica tagliente e intensa allo Q Factory di Amsterdam la sera del 24 aprile. Il tour ha l’obiettivo di presentare il loro nuovo, ma già apprezzatissimo “Folfiri o Folfox”. Record di vendite in Italia e indicato come uno dei migliori mai prodotti dalla band.
  • come: ulteriori informazionibiglietti

Life I Live Festival

  • quando: 26 e 27 aprile
  • dove: L’Aia
  • cosa: L’Aia ospita dal 1989 un festival durante la “Koningnach”, ovvero la notte alla vigilia della magnifica Festa del Re. Si tratta di un grandioso festival musicale all’aperto in cui potrete apprezzare sia artisti locali che internazionali, oltre alle band troverete diversi Dj, pronti a farvi fare fuoco e fiamme tutta la notte.
  • come: ulteriori informazioni

Festa del Re

  • quando: 27 aprile
  • dove: in tutta Olanda
  • cosa: il 27 aprile tutti in Olanda si vestono in modo quanto più arancione ed eccentrico possibile, per la grandiosa festa del Re. In ogni grande città e piccolo paese ci saranno festeggiamenti con immancabili bancarelle di cibo, birra e musica.
  • Amsterdam: qui i festeggiamenti sono esuberanti, assurdi ed eccessivi. Ci sarà un enorme mercato che si spanderà per tutta la città, i canali saranno pieni di barche, altrettanto piene di persone in festa. Se vi piace ballare, allora non perdetevi le feste a cui suoneranno diversi Dj famosi in tutto il mondo.
  • L’Aia: anche ospiterà festeggiamenti degni di questo nome, bancarelle per tutta la città, musica e divertimento. Ma la festa per cui è davvero famosa L’Aia si svolge la sera del 26 aprile, con concerti in tutte le piazze
  • Utrecht: Le bancarelle saranno aperte dalle 18.00 del 26 aprile. Il giorno seguente i canali e le vie del centro si riempiranno di un’atmosfera festosa e coinvolgente. Troverete festeggiamenti e musica in Domplein, Mariaplaats, Neude e in molte altre piazze.
  • Eindhoven: come l’Aia, anche Eindhoven è famosa per i concerti alla vigilia della Festa del Re, ne troverete: in Wilhelminaplein, Stationplein e Stadhuisplein. Durante la giornata del 27 ci saranno musica, mercati e allegria.
  • come: ulteriori informazioni